sabato 16 agosto 2014

L'amante di Lady Chatterlay di D.H.Lawrence

"Scritto in Toscana in tre successive stesure tra il 1925 e il 1928 e pubblicato per la prima volta a Firenze, l'opera venne immediatamente tacciata di oscenità a causa dei riferimenti espliciti di carattere sessuale e al fatto che in essa veniva descritta una relazione tra una donna borghese, sposata con un uomo paraplegico, ed un uomo appartenente alla working class. Il romanzo venne perciò messo al bando in tutta Europa e specialmente nell'Inghilterra del tempo, ancora dominata dalla morale vittoriana, tanto che sarà pubblicato in Gran Bretagna solo nel 1960.
Il romanzo ha scosso nel profondo non solo la sensibilità di generazioni di lettori del ventesimo secolo, ma anche i pregiudizi sul piacere femminile e sulla virilità."
Introduzione tratta brutalmente da Wikipedia



Non è facile recensire un classico della letteratura così noto, cercherò di fare del mio meglio ;)

La storia è ambientata in un'epoca diversa dalla nostra (ovviamente XD), cioè negli anni venti del 20esimo secolo, in Inghilterra. La società sta cambiando, così come l'aspetto delle città e lo stile di vita delle persone nelle varie classi sociali, ancora piuttosto rigide. Lady Chatterlay, per gli intimi Connie, all'inizio del libro è  sì una ragazza giovane, furba, esplicita e intraprendente ma sente che sta perdendo piano piano la sua voglia di vivere. Il marito, un intellettuale paraplegico la considera più un'amica che una confidente, la sua concezione dell'amore coniugale è totalmente diversa da quella della moglie. La famiglia di lei, vedendola sempre più afflitta, si mette all'opera per cambiare la situazione a Wragby, residenza dei Chatterley. Grazie ai consigli della sorella e del padre, Connie riesce a ritrovare la felicità ma con un altro uomo. Un uomo sconveniente e che non tutti potranno apprezzare. 

Non posso dire altro riguardo alla trama altrimenti tolgo tutto il lato divertente del libro.
I riferimenti sessuali sono espliciti e per questo motivo, il romanzo non è mai stato messo in evidenza, nemmeno a scuola (per quanto mi riguarda) anche se in realtà i riferimenti alla società dell'epoca e le riflessioni riguardo ai suoi futuri sviluppi sono molto attuali e articolati. In generale ho trovato la storia interessante e originale e mi è piaciuto molto il narratore onnisciente che espone i pensieri di ogni personaggio, dalla protagonista Connie alla badante, ai minatori e via dicendo. 
Ho approfittato dell'offerta della Newton&Compton-collana MiniMammut per comprare i grandi classici più bistrattati senza avere aspettative troppo alte. Spesso i classici sono di difficile lettura, magari un po' noiosi, questo, in alcuni punti, vi farà morir dal ridere.

Qualcuno ha già scoperto cosa succede tra Connie e l'amante misterioso? Vi è piaciuta la fine del romanzo?

Fatemi sapere cosa ne pensate :)



  

Altri post che possono interessarti...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...